la voce dal campo, serie B2, tutte le news

Diciannove anni, respira e mangia pallavolo praticamente da sempre, visto che fin da piccolo il papà  lo portava in giro a palestre. Proprio lui lo ha convinto a provare ad arbitrare e sabato scorso ha avuto la soddisfazione di far parte della squadra che ha diretto l’amichevole dell’Imoco al “Fontebasso” della “sua” Noventa. Lui è Luca e di cognome fa Buscato. Dove sta la notizia? Che il papà  è Massimo, presidente del Volley Pool Piave e storico dirigente della società .

Senza alcun dubbio se ora sono un arbitro di pallavolo è tutto merito dell’ influenza di mio padre. Possiamo dire che sono nato in un campo da pallavolo, fin da piccolo andavo nelle palestre con lui e la mamma e ancora oggi non ho smesso di farlo. Poi più o meno a 12-13 anni papà  mi ha convinto ad arbitrare ai primi tornei di mini volley e da là è iniziato tutto. Mai e poi mai mi sarebbe venuto in mente di iniziare la carriera da arbitro. E’ stato papà  a propormi di fare il corso e mi sono trovato da subito benissimo”.

Perchè arbitro e non allenatore?

Ad una carriera di allenatore non ci ho mai pensato, ma non mi ci vedo molto. Ma è ancora presto per pensarci”.

Te la ricordi la tua prima partita? Cos’hai provato?

Il primo debutto è stato fantastico, non nascondo che ero un pochino in ansia. Era l’Under 14 di San Stino e, per fortuna, è stata una partita tranquilla. L’anno scorso sono rimasto sorpreso per la promozione ad arbitro regionale e so che quest’anno sarà più impegnativo, ma ho molta voglia di tornare ad arbitrare al più presto. Ed eccoti al “Fontebasso”, nella “tua” Noventa. Sabato scorso ho ricevuto la proposta di fare giudice di linea all’amichevole di serie A tra Imoco e Montecchio a Noventa di Piave. Finalmente, dopo due anni, una gara “a casa mia”. Per ovvio motivi a Noventa non ho mai arbitrato e metterci piede in veste di ufficiale di gara mi ha fatto provare forte emozioni. Nonostante l’inesperienza in quel ruolo ero veramente felice di provare questa nuova esperienza”.

A quando il tuo debutto in stagione e cosa sogni?

Tra circa una settimana avrà la mia prima gara della stagione e so di sognare un po’ in grande ma tra un paio di anni vorrei ritrovarmi su un seggiolone per una gara di serie B e chissà  se non anche di serie A”.

Share

Leave a Reply