la voce dal campo, serie B2, tutte le news

Martina, come ti trovi a San Donà e cosa ti manca di casa (è di Imola)?

“E’ un ambiente che mi piace e mi trovo bene sia in palestra che in appartamento con le mie compagne di squadra. È ovvio casa manca sempre, a volte tornare dagli allenamenti e non poter parlare e stare con la mia famiglia è una cosa un po’ strana che mette anche tanta tristezza. Una cosa positiva dell’essere qui è potermi allenare bene e migliorare tecnicamente. Anche l’essere fuori casa comunque può aiutare nella crescita e maturare”.

E come ti trovi nel gruppo?

“Nel complesso bene, mi sembra di avere legato più o meno con tutte. Direi che sono cresciuta un po’ in tutto anche se in particolare nel servizio”.

Quali i tuoi punti di forza e dove, invece, pensi di dovere migliorarti?

“Punti di forza tenacia e determinazione anche quando le cose si mettono male cerco sempre di metterci il massimo impegno per fare del mio meglio senza mai mollare . Dovrei migliorare tecnicamente in ricezione e muro ed avendo l’onore di essere capitano dell’Under 18 devo imparare ad essere un punto di riferimento per le altre, cosa che mi risulta ancora difficile, non avendo mai avuto questo compito”.

La B1 sta attraversando un momento un po’ difficile: quanto ci manca Marta Masiero in tutto questo?

“La mancanza di Marta si risente molto sulla compattezza della squadra che perde la concentrazione più facilmente. Marta è parte importante del nostro gruppo, non solo per le sue capacità tecniche ma anche, appunto, per lo spirito tenace e combattivo che ci trasmette quando siamo in campo.

Questo momento si supera acquisendo la consapevolezza delle proprie capacità sapendo che siamo un gruppo unito e scendendo in campo con l’obiettivo comune di vincere o quanto meno mettendo in campo le nostre migliori abilità”.

Share

Leave a Reply